Indietro

Sassocorvaro vince il Palio della Massa Trabaria

La gara per conquistare il primato, colpendo il buratto, è stata vinta dal Castello di Sassocorvaro, con il cavaliere Marco Tiberi

SESTINO — Se la XXV Sagra della Bistecca è stato il contenitore, con un variegato programma di appuntamenti e una grande folla agli stands lungo l’assetato fiume Foglia- forte l’interesse per il “Palio del Castelli della Massa Trabaria”, giunto anch’esso alla XVI edizione, dopo gli anni dell’avvio con svolgimenti diversi.

La gara per conquistare il primato, colpendo il buratto, è stata vinta dal Castello di Sassocorvaro, con il cavaliere Marco Tiberi. Di seguito si sono piazzati Patrich Nonni, del Castello di Piandimeleto, dei già Conti Oliva, fieri avversari della confinante “Terra di Sestino”; Fabrizio Fedozzi, di Lunano e Maurizio Cancellieri, di Montecopiolo. Gli altri castelli in gara, oltre a Sestino, sono stati Mercatello sul Metauro, Badia Tedalda e Città di Castello.

Alla premiazione, nella centrale piazza davanti al palazzo comunale, il sindaco Marco Renzi a fare gli onori di casa e l’on. Marco Donati, che ha consegnato i premi ai gareggianti, complimentandosi per il recupero di una tradizione che arricchisce la moderna Sestino di una identità profonda, carica di significati. E, unita ad una specialità, come la bistecca Chianina- e gli altri prodotti e cibi che hanno il sapore del territorio - contribuiscono al turismo e alla visibilità della locale economia.

Ma i cavalli sono una passione estesa. Si è celebrato, così, anche il XVI° “Raduno equestre”, che, come per il palio, ha l’anima in Lazzaro Baffioni e Stefano Santinelli. Oltre un centinaio i cavalieri e le amazzoni giunti dalla lontana Matelica e “a sella” da Sant’ Arcangelo di Romagna e da altre località dell’Italia centrale. Una passione che accomuna gli anziani- premiato Diego Del Bianco – e giovanissimi di 7/8 anni, come Anna Santinelli e Emily Larghetti. L’organizzazione è della” Eco-Mont”, una associazione di Belforte all’Isauro ma che accomuna - saltando i confini amministrativi – Toscana, Marche, Umbria ed Emilia Romagna.

Soddisfatti i responsabili delle intense giornate, da Serafino Fabbretti, presidente della Pro Loco, alla presidente della Biblioteca comunale Ilaria Tacconi, al sindaco Renzi, che ha voluto sottolineare l’importanza di questi appuntamenti:

“Fa piacere costatare l’impegno di tanti volontari per mettere in mostra quanto abbiamo di bello e di buono. I nostri paesi di periferia non temono la lontananza se possiamo continuare a offrire specialità gastronomiche, attività particolari come la mostra su “Sestino in pagina”, l ‘artigianato artistico messo in mostra da “Mani che lavorano”, l’arte straordinaria delle sale archeologiche o l’arte pittorica delle chiese e del “Centro di Documentazione dell’Arte del Piviere Nullius”, collocato al castello turrito di S.Donato”. Anche i giovani, che oggi sentono il richiamo “globalizzato”, se coinvolti, possono trovare a Sestino il loro futuro”.

E’, in fondo, anche quanto dimostrato dalla scuola di danza “Giselle”, che il 22 giugno, ha riempito il teatro comunale “Pilade Cavallini” di gruppi di danzatrici provenienti da Urbino e Macerata Feltria e, insieme alle giovanissime di Sestino, hanno fatto spettacolo, interpretando, con la danza, i grandi autori dell’arte rinascimentale e moderna, con un risultato di particolare suggestione emotiva e scenica.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it