Indietro

Un pacco di pasta su tre contiene grano straniero

L'allarme della Coldiretti: Situazione insostenibile e rischio abbandono dei campi. Agevolati i produttori esteri a scapito di quelli italiani

VALTIBERINA — La speculazione sul grano mette in pericolo la vita di oltre trecentomila aziende agricole che lo coltivano, ma anche un territorio di 2 milioni di ettari a rischio desertificazione ma anche gli alti livelli qualitativi per i consumatori garantiti dalla produzione Made in Italy. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti in occasione dello scoppio della #guerradelgrano con migliaia di agricoltori presenti lo scorso 9 giugno alle banchine con trattori per l’arrivo di un mega cargo con grano canadese al Porto di Bari proprio alla vigilia della raccolta di quello italiano con evidenti finalità speculative.

“L’Italia - sottolinea il Presidente della Coldiretti Arezzo Tulio Marcelli- è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con 5,1 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,4 milioni di ettari”.

“Il taglio dei prezzi pagati agli agricoltori sotto i costi di produzione - prosegue Marcelli - ha provocato la decimazione delle semine di grano in Italia con un crollo del 7,3% per un totale di 100mila ettari coltivati in meno che peseranno sulla produzione di vera pasta italiana nel 2017, oltre che sull’ambiente, sull’economia e sul lavoro delle aree interne del Paese. Nella campagna 2016 i prezzi- ricorda Marcelli – sonostatidimezzati per effetto delle speculazioni e della concorrenza sleale ed oggi – sottolinea ancora il Presidente - con 5 chili di grano non è possibile neanche acquistare un caffe. Da pochi centesimi al chilo concessi agli agricoltori dipende la sopravvivenza della filiera più rappresentativa del Made in Italy mentre dal grano alla pasta i prezzi aumentano di circa del 500% e quelli dal grano al pane addirittura del 1400%”.

Con queste quotazioni non si può sopravvivere - ha denunciato la Coldiretti - nel sottolineare che c’è il rischio concreto di alimentare un circolo vizioso che, se adesso provoca la delocalizzazione degli acquisti del grano, domani toccherà gli impianti industriali di produzione della pasta con la perdita di un sistema produttivo che genera ricchezza, occupazione e salvaguardia ambientale.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it